2 Responses

  1. Adriano Gallea
    Adriano Gallea at |

    Nella nostra esperienza abbiamo anche assunto ragazzi provenienti da ITS (Istituto Tecnico Superiore) formula che volendo consente la continuazione dello studio in ambito Universitario con riconoscimento di alcuni crediti.
    Ma la formula più attrattiva è quella dell’Apprendistato di Alta Formazione. Abbiamo appena assunto 4 ingegneri (altri ventidue sono sati assunti da altre Aziende del territorio torinese) nel complesso che abbiamo collocato in due Master promossi in collaborazione con Politecnico di Torino e Regione Piemonte. I “masterandi o masterini” il primo anno alterneranno fasi di studio presso il Politecnico a fasi di lavoro in Azienda, mentre nel secondo anno l’attività sarà prevalentemente aziendale e mirerà allo sviluppo di un project-work aderente alle materie studiate e alle necessità aziendali. Interessante il fatto che le fasi “accademiche” vedranno la partecipazione di manager delle Aziende in veste di Docenti. E’ un modo per sviluppare competenze specie su temi innovativi e per dotarsi di risorse di eccellenza fatte crescere in casa ma con il supporto dell’accademia. Sicuramente questi sono casi di successo in termini di collaborazione reale tra pubblico e privato e che generano occupazione di qualità.

    Cordiali saluti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.