60 Responses

← Previous Page 2 of 2
  1. gio
    gio at |

    ciao danilo,ti avevo gia’ scritto,adesso le cose si sono evolute,sono stato reintegrato e l’altro giorno il datore di lavoro,mi ha proposto di dimettermi per giusta causa in quanto non ho ancora percepito 1/3 di settembre,ottobre,novembre,dicembre,gennaio pero’ ho preso febbraio e marzo….praticamente non ho percepito le mensilita’ del reintegro,se accetto le dimissioni per giusta causa ho diritto ai 24 mesi di Naspi?grazie

  2. gio
    gio at |

    grazie Danilo,adesso siamo giunti ad un risoluzione consensuale per giusta causa,davanti alla dtl direzione territoriale lavoro,a questo punto dovrei prendere comunque la NASpI vero?

  3. Nicola
    Nicola at |

    Sono un salvaguardato , sono andato in mobilità lunga dal 01/01/2008 di anni 7 per poter accedere al pensionamento come da comunicazione INPS dal 01/04/2015, percependo l’indennità di mobilità. Ma con la Legge Fornero hanno prolungato di tre mesi il pensionamento al 01/07/2015, dal 01/04/2015 non ricevo l’indennità di mobilità. Tale indennità mi spetta per l’accompagnamento alla data della pensione 01/07/20015…

  4. Vincenzo
    Vincenzo at |

    Ciao Danilo, sono stato posto nelle liste di mobilità, ho fatto parte di un azienda che si occupava di vigilanza privata a Napoli, il tutto a seguito del fallimento di questa azienda, adesso mi è stato offerto da un’altra azienda sempre di vigilanza un contratto a tempo determinato di sei mesi, ho saputo che per i contratti a tempo determinato si rimane iscritti nelle liste di mobilità e quindi basta riscriversi al centro per l impiego e la comunicazione all inps per continuare l erogazione ? poi se nel caso mi dimetto prima della scadenza dei sei mesi cambia qualcosa ? o rimango sempre nelle liste anche in questo caso? ti ringrazio tanto…..

  5. Gino
    Gino at |

    Tutto corretto ciò che è stato commentato su ciò che rappresentava la mobilità prima della cd riforma Fornero.
    Un paio di precisazioni:
    – i vantaggi per le aziende che derivavano (e che derivano ancora almeno fino al 31 dicembre di quest’anno) dall’assunzione dalle liste di mobilità non sono fiscali ma contributivi;
    – la mobilità lunga presuppone che venga emessa una normativa specifica e che, successivamente alle istanze presentate dalle aziende, il Ministero del Lavoro emetta uno specifico decreto con il quale assegna alle aziende destinatarie le disponibilità in termini di unità lavorative. Inoltre riguarda tipicamente medie e grandi aziende.

    Saluti a tutti.

  6. Tonino Cadinu
    Tonino Cadinu at |

    Ciao Danilo, lavoro come piazzista venditore alle dipendenze di una grande azienda nazionale nel settore industria lattiero caseario, l’azienda da diversi anni è in ristrutturazione, e quindi ci sono esuberi nel personale. Io ho 59 anni , a oggi ho 40 anni e 3 mesi di contributi versati, Ti chiedo se e quando l’azienda può inserirmi nella lista della mobilità lunga e accompagnarmi alla pensione? Ti ringrazio.

Lascia un commento