8 Responses

  1. Mario Mollica
    Mario Mollica at |

    Buona sera.
    Sono pensionato e titolare di un contratto cococo che scade a fine 2015.
    Dovendo stipulare per il 2016 un nuovo contratto cococo è sufficiente l’iscrizione ad un albo professionale o è necessaria anche la partita IVA?
    L’attività dura per circa 4 mesi e il compenso supera i 5000€ .
    Grazie

  2. MARGHERITA
    MARGHERITA at |

    Ho un contratto cocopro in scadenza e vorrei sapere se posso passare ad un contratto cococo, si tratta di un attività che svolgo in totale autonomia senza subordinazione al datore di lavoro, vorrei evitare di aprire la partita iva e continuare a mantenere la busta paga . parliamo di un redditto annuo di circa e 15.000,00 Euro.
    Grazie

  3. Andrea
    Andrea at |

    Buongiorno
    Mi chiamo Andrea, sono laureato in architettura e non ho ancora l’abilitazione alla professione, quindi nessuna iscrizione all’albo.
    Mi è stato però offerto un lavoro in uno studio di architettura associato, non come lavoro dipendente ma come lavoro a progetto per iniziare. Lavoro questo attinente la professione e da portare avanti in libertà, in un margine temporale di circa 3 mesi e con un compenso di 2000 euro circa.
    Ora, per la legge è in merito ai cambiamenti imposti dal Jobs act come potrei essere inquadrato lavorativamente nel rapporto con il committente e in che modo potrei trarne più vantaggi? Quale contratto è più idoneo alla mia situazione?
    La ringrazio anticipatamente.

    A.

  4. Andrea
    Andrea at |

    La ringrazio per la risposta.
    Volevo però precisare che i contratti in apprendistato di alta formazione vengono stipulati dalla facoltà con il soggetto ospitante; io però all’università non ci metto piede dal 2012, anno in cui ho ultimato gli studi e a cui successivamente ho fatto delle brevi collaborazioni con ritenuta d’acconto.
    Vorrei però valutare qualche altro contratto, visto che qhest’ultima è troppo limitativa.
    Ad ogni modo, non potendo fare un co co pro perché non esistono più come si svolgerebbe e con quali costi e limiti un co co co? Premetto che il lavoro che andrò a fare può essere anche definito come collaboratore tecnico o disegnatore, non come architetto.

Lascia un commento